IPA


Dal 1995 Matilde Domestico realizza le sue opere grazie alla collaborazione con la I.P.A. Industria Porcellane di Usmate (MI) produttrice di tazze e tazzine da bar e collezione, che fornisce materiale e consulenza tecnica, ha progettato diverse collezioni di tazze prodotte in serie limitata.

Dal sito della "I.P.A. Porcellane S.p.A."
Con le tazze Matilde Domestico ha un'amicizia che dura nel tempo. Si conoscono da sempre. Da quando, piccolina, beveva il latte nella tazzona personalizzata con il suo nome, fino alle quotidiane abitudini d'oggi, di usare tazze, tazzine e cocci, per inventare un mondo parallelo popolato da "risatazze, colonnazze, arcatazze e dondotazze". La tazza smette di essere un oggetto d'uso e aggregandosi alle sue simili, diviene una figura di donna pettegola, una colonna alta tre metri, un arco sotto cui passare, persino un organo musicale, un tavolo e un fiore. E nel far questo l'artista detiene un primato: quello di aver bucato più tazze al mondo. Infatti le tazze devono avere un foro alla base per assumere le svariate configurazioni. Tazze come fantasia, tazza come nuovo materiale con cui fare delle sculture che ricreano il quotidiano. Su questo tema l'artista è stata invitata ad alcune importanti mostre pubbliche a Vietri sul mare nel 2000 e a Caraglio nel 2001. La collezione "Zippatazza" rilancia sempre l'idea della tazza come soggetto e le immagini che la decorano vanno ben oltre la piacevolezza della forma. Questa volta le tazze fanno lo strip-tease e ci seducono con una zip maliziosa che lascia intravedere le forme curve e sensuali, sempre rigorosamente bianche.
Ivana Mulatero

Collezioni I.P.A.

Zippatazza

Blu Natale

Musetti Guatemala

Musetti Oriente

Nessun commento:

Posta un commento